top of page
Il piacere a tavola con Gabriele D’Annunzio

Gabriele D’Annunzio, il grande multiforme intellettuale europeo, si è anche interessato, specie negli anni del Vittoriale, al cibo e alla cucina.
L’arrivo di un’amante soleva causare al poeta il desiderio di cibo, ed eccolo allora scrivere in fretta un biglietto alla sua fedele cuoca Albina (Suor Intingola), ordinando una colazione per la forestiera capitata sotto i suoi artigli. Altre volte, invece, riteneva che occorresse un piatto che si adattasse a una particolare tipologia di bellezza femminile.
Andrea Maia raccoglie nel libro Il piacere a tavola con Gabriele D’Annunzio le pietanze predilette dal Vate, con uno sguardo particolare alle ricette della sua nativa terra abruzzese.

Il piacere a tavola con Gabriele D’Annunzio

€ 12,00Prezzo
IVA inclusa
    bottom of page